Archivi tag: in evidenza

ANTEPRIMA CANONICA 10

E’ in corso di impaginazione il numero 10 della nostra rivista Canonica; dieci numeri e dieci anni di attività del Centro Studi Pientini che hanno visto tanti autori e collaboratori contribuire alla divulgazione di ricerche, articoli, studi e curiosità su Pio II, Pienza ed il suo territorio.

In questo numero quattro articoli e un supplemento. Nel primo contributo, Roberto Formichi ci racconta le vicende che precedettero l’inizio dei lavori di sottofondazione del Duomo di Pienza; gli studi, le proposte di “smontaggio”, i progetti di consolidamento ed il crescente interesse per Pienza e i suoi monumenti. Nel secondo articolo Fabio Serafini documenta la presenza di Corsignano nei registri camaldolesi mentre Matteo Parrini racconta le vicende di Onesta Piccolomini, nobildonna nipote di Pio II e “donna del Rinascimento” nel territorio delle Marche. Infine una testimonianza della prima ora sull’avvio degli scavi archeologici nell’area di “cava Barbieri”; Andrea Bruzzichelli partecipò ai sopralluoghi di Ferrante Rittatore Vonwiller e di Rezia Calvi agli albori degli scavi.

Il supplemento contiene una inedita iconografia di Pio II curata da Roggero Roggeri; quarantotto schede su altrettante opere di pittura, miniatura, scultura e medaglistica con il ritratto di Enea Silvio Piccolomini.

Non sappiamo ad oggi se riusciremo ad effettuare la presentazione “in presenza” del decimo numero: di sicuro sarà disponibile on line e gli amici del Centro potranno ritirare la copia cartacea presso il nostro recapito. Ma non disperiamo: ci auguriamo che le biblioteche e gli eventi culturali possano ripartire al più presto per “nutrire” quanti non possono fare a meno di arricchire le proprie conoscenze.

CORTILI APERTI

Abbiamo riunito in questa pagina tutto il materiale dell’iniziativa culturale CORTILI APERTI voluta ed organizzata dal 2004 al 2014 da Francesco Dondoli. Gli scritti, le riproduzioni delle pubblicazioni e le foto sono stati già pubblicati nei numeri di Canonica n. 1, 3 e 5 e sono stati qui riuniti per una migliore fruizione.

estratto dal n. 1 di Canonica, 2011 :

Portfolio_1

estratto dal n. 3 di Canonica, 2013:

Portfolio_2

estratto dal n. 5 di Canonica, 2015:

Portfolio_3

 

14 agosto 2014

IL SOGNO DEL CARDINALE AMMANNATI SULLA MORTE DI PIO II

 

 

ERBARIO DEI CAPPUCCINI – SABATO 15 FEBBRAIO 2020

Sarà presentato a San Quirico d’Orcia il volume sull’erbario del Convento dei Cappuccini, con la storia della grande raccolta di piante officinali e non officinali risalente al Settecento. Si rimanda agli articoli ed alle pagine presenti nel sito della Fondazione Tagliolini – Centro per lo Studio del Paesaggio e del Giardino.

PRESENTAZIONE DEL VOLUME “L’ERBARIO DEI CAPPUCCINI DI SAN QUIRICO D’ORCIA” 2020

ERBARIO DEI CAPPUCCINI

ENTI FONDATORI

LA ROCCACCIA. UNA ROCCA DI CONFINE

Umberto Bindi

LA ROCCACCIA. UNA ROCCA DI CONFINE. MILLE VOLTE PRESA, MILLE VOLTE PERSA

(Canonica 9 – pag. 17)

Percorrendo la Statale 146 che collega Pienza a Montepulciano l’antico rudere della Roccaccia si intravede appena ma, anche se coperta dall’edera fino alla sommità, la torre diruta ci racconta una storia millenaria.
Dell’antica rocca di confine oggi non restano che frammenti murari poco riconoscibili ma un tempo questo luogo costituiva, insieme agli insediamenti vicini, un sistema difensivo e rurale assai importante.

CONTINUA A LEGGERE SCARICANDO L’INTERO ARTICOLO

LA PALA DI ALTARE DEL RUSTICHINO

Sara Mammana

INTORNO ALLA PALA DI ALTARE DELLA CHIESA DI SAN CARLO BORROMEO DI FRANCESCO RUSTICI, DETTO IL RUSTICHINO

(Canonica 9 – pag. 43)

La pala in esame, Madonna col Bambino e i Santi Carlo Borromeo, Francesco, Chiara, Caterina da Siena e Giovanni Battista (1620 circa), olio su tela, cm 296 x 207 assegnata a Francesco Rustici, detto il Rustichino (Siena, 1592-1626) insieme all’analogo disegno e al modelletto preparatorio che verrà descritto in seguito, ha recentemente ricoperto un importante ruolo nella sezione della mostra Il Buon Secolo della Pittura Senese.

CONTINUA A LEGGERE SCARICANDO L’INTERO ARTICOLO

IL DUOMO RESTITUITO ALLA CITTA’

Matteo Parrini

26 maggio 1935: il duomo restituito alla città divenne evento corale

(Canonica 9 – pag. 27)

Nel maggio 1935 Pienza fu al centro dell’attenzione di molti quotidiani e riviste specializzate, non solo italiani, per un evento eccezionale che il regime fascista seppe esaltare con successo: la riapertura del duomo dopo oltre vent’anni di lavori. Lo storico dell’arte Enzo Carli ricorda che quei lavori ebbero infatti una funzione notevole dopo gli interventi di primo ‘900 quando, per il restauro statico dell’edificio progettato dal Rossellino

CONTINUA A LEGGERE SCARICANDO L’INTERO ARTICOLO

CANEPINA E LA VISITA DI PIO II NEL 1460

Romualdo Luzi

CANEPINA E LA VISITA DI PIO II NEL 1460

(Canonica 9 – pag. 13)

L’interesse suscitato dopo la pubblicazione della scoperta dell’allume da parte di Giovanni di Castro e l’interesse dimostrato dal papa Pio II Piccolomini,1 miporta a raccontare un altro piccolo avvenimento, senza tacere che lo stesso pontefice ha scritto sulla magnifica Processione del Corpus Domini del 14622 a Viterbo e sulla nota Corsa delle barche da Capodimonte all’Isola Bisentina.3

CONTINUA A LEGGERE SCARICANDO L’INTERO ARTICOLO

IL RITRATTO DI PIO II SULL’ISOLA BISENTINA

Aldo Lo Presti

IL RITRATTO DI PIO II SULL’ISOLA BISENTINA

(Canonica 9 – pag. 5)

Di un ritratto commemorativo della visita di Pio II avvenuta nel luglio del 1462 al Convento francescano dell’isola Bisentina ne avevamo già parlato in precedenza.1 Si tratta di una raffigurazione del pontefice pientino che si rintraccia nella facciata esterna della cappellina del Tabor dedicata alla Trasfigurazione. Precisamente «…a sinistra della porta è raffigurato Pio II, la cui testa è interamente perduta [sic], che riceve l’omaggio dei Francescani, di cui rimangono due bei brani dei volti. […]

CONTINUA A LEGGERE SCARICANDO L’INTERO ARTICOLO